Album consigliati: Neurosis – Through Silver in Blood

Tracklist:

1. Through Silver in Blood

2. Rehumanize

3. Eye

4. Purify

5. Locust Star

6. Strength of Fates

7. Become the Ocean

8. Aeon

9. Enclosure in Flame

Durante la loro lunga carriera i Neurosis sono stati definiti nei modi più disparati, da ‘post-hardcore’ a ‘progressive metal’, ‘ambient’, ‘doom’ ecc., ma in realtà sono impossibili da definire a causa dell’alto livello di sperimentazione presente in quasi tutti i loro lavori (caratterizzati generalmente da partiture complesse, bassi distorti, riff malvagi, percussioni tribali, suoni elettronici e industrial, atmosfere oscure, stacchi hardcore, voci angoscianti e angosciate).

Through Silver in Blood (1996) è il quinto LP dei Neurosis e segue due lavori già molto innovativi e devastanti quali Souls at Zero e Enemy of the Sun, in cui i californiani avevano sperimentato con gli elementi sopra citati. Through Silver in Blood fa leggermente meglio dei dischi precedenti (e dei successivi) fondamentalmente perché riesce ad essere ancor più complesso, caotico, estremo e feroce.

La lunga title-track apre il disco con un crescendo di tutte le caratteristiche già citate (in particolare suoni industriali, riff pesanti, rumori disturbanti, urla ipnotiche e ripetitive). Già sopravvivere a questo pezzo è impresa ardua. Rehumanize e la successiva Become the Ocean sono due intermezzi utili a fare da collante in un alcuni passaggi del disco (che va assolutamente ascoltato come un’unica entità). Eye è una delle canzoni più volente e pesanti mai scritte, in particolare grazie al basso in primo piano alle voci impazzite che si alternano. Purify è un brano lungo e complesso, che parte con una melodia piuttosto semplice e tranquilla che si trasforma ben presto in un delirio di suoni ed urla estreme per poi terminare in gloria con l’accompagnamento di una desolante cornamusa. Anche Locus Star parte tranquilla per poi esplodere grazie ad un riff epico che rende il pezzo particolarmente impattante e coinvolgente a livello emotivo. Stesso discorso per Strenght of Fates, che rimane tranquilla per i primi sette minuti ma si conclude con la solita esplosione di violenza e disperazione. Aeon rappresenta forse il climax dell’album ed è una delle tracce più complesse, con la sua partenza ‘ambient’ stile marcia funebre, una fase centrale violenta e cupa, un lungo passaggio ‘cosmico’ con il riff più emozionante dell’album e il finale affidato a violino e pianoforte. Ma la tortura non è ancora terminata: Enclosure in Flames con il suo andamento lento e la voce estremamente sofferta conclude l’esperienza nella maniera più cupa possibile.

Raramente nella storia della musica il nome di una band ha riflesso in maniera così precisa il proprio stile musicale e le sensazioni che esso sa trasmettere. Eppure è innegabile che ascoltare un disco dei Neurosis (in particolare questo) equivalga ad immergersi totalmente in uno stadio che sta a metà tra il nevrotico (per l’appunto) e il catartico (per quanto si tratti di una catarsi oscura e malata). Non vanno dimenticati i testi, che sono praticamente speculari alla musica, ovvero estremamente oscuri e misteriosi.

Consigliato in particolar modo durante le sedute settimanali di yoga.

Annunci
Published in: on gennaio 21, 2010 at 5:38 pm  Lascia un commento  
Tags: ,

The URI to TrackBack this entry is: https://grandeabbuffata.wordpress.com/2010/01/21/album-consigliati-neurosis-through-silver-in-blood/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: